Saint Claude-RELICS

San Claudio

Secondo la tradizione nacque a Salins, da un'illustre famiglia gallo-romana. Inizialmente soldato, lasciò l'esercito intorno ai vent'anni per diventare chierico a Besançon, poi monaco nel monastero di Condat. Si distinse per le sue virtù e intorno al 650 fu scelto come abate della comunità.

Alla morte del vescovo di Besançon, fu scelto a succedergli e rimase in questo incarico per sette anni, durante i quali continuò a condurre una vita monastica molto austera. Tuttavia, constatando la distensione mostrata da alcuni chierici della sua diocesi, rinunciò all'ufficio episcopale intorno al 693 e ritornò al suo monastero, dove morì intorno al 6992.

Nel XII secolo la sua tomba fu aperta e il suo corpo fu trovato incorrotto. Il monastero divenne quindi un importante luogo di pellegrinaggio, rinomato per numerosi miracoli. La sua fama è tale che le sue reliquie vengono esposte ai fedeli due volte al giorno e visitatori famosi come il re Luigi XI e Francesco di Sales vengono a pregarvi.

Nel 1754 diversi medici esaminarono il suo corpo e ne attestarono lo straordinario stato di conservazione. Tuttavia, nel 1794, i rivoluzionari sequestrarono le reliquie e le bruciarono completamente, ad eccezione dell'avambraccio sinistro che sfuggì.

Lo onoriamo il 6 giugno. È il santo patrono dei tornitori del legno, numerosi nell'Alto Giura, degli orafi e dei fabbri.

I suoi resti scampati alla distruzione sono collocati in un reliquiario disegnato dall'orafo Goudji, nella cattedrale Saint-Pierre-Saint-Paul-et-Saint-André a Saint-Claude.
Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.